0 commenti /

Allattamento e obesità

L’allattamento al seno riduce il rischio che il bambino, crescendo, diventi obeso.

La differenza sostanziale tra il latte materno e quello artificiale sta nelle proteine. Quello materno contiene dai 7 ai 12 grammi di proteine per litro, mentre quello artificiale tra i 15 e i 23, nelle formule adottate per i bambini fino ai 4-6 mesi.

Il neonato ha bisogno di un alto numero di proteine perché queste rappresentano i mattoncini per costruire le cellule di un organismo che sta crescendo in fretta.

Attenzione però: quando al lattante vengono fornite più proteine del necessario, l’eccesso viene trasformato in riserva adiposa, cioè in ciccia.

Infatti i bimbi allattati artificialmente sono in genere i più paffuti, hanno un aspetto apparentemente più florido che però non deve ingannare: i bambini allattati al seno crescono più sani.

Non solo! Le riserve di grasso sono costituite da cellule chiamate adipociti: dall’età di 2 anni e per tutto il resto della vita possono aumentare a dismisura il volume, ma non come numero.

Facciamo un esempio: se una persona ha dieci cellule adipose, per quanto mangi in modo eccessivo, andrà incontro a un sovrappeso sempre inferiore in confronto a chi si alimenta nell'identico modo ma ha venti, trenta… cento adipociti.

Chi decide il numero di cellule adipose che porteremo dentro di noi? Sicuramente i fattori genetici:

dei genitori obesi trasmetteranno al bambino una predisposizione numerica di adipociti superiore rispetto ai genitori di peso normale.

Determinante è anche l’alimentazione nei primi due anni di vita:

L’eccesso proteico, infatti, viene solo in parte trasformato in grasso mentre il resto va a costituire un numero sempre maggiore di adipociti, ciascuno dei quali potrà in seguito aumentare di volume in modo pressoché illimitato.

La diffusione sempre maggiore del latte artificiale è certamente uno dei motivi di sovrappeso dei bambini di oggi rispetto a quelli di dieci, venti, cinquant’anni fa.

Ovviamente la salute futura non dipende solo dal tipo di latte preso da piccoli: sarà importante l’alimentazione generale del bambino, l’assunzione di grassi e zuccheri, l’attività fisica e così via. Ma chi ben comincia…

Tratto dal libro “La dieta Super Salute” del dott. Massimo Gualerzi

0 commenti

Lascia un commento

Note